NOCCIOLE confezionate (sgusciate)

Come scegliere le nocciole confezionate sgusciate*?

  • Preferibilmente NON PELATE (cioè CON la cuticola, pellicina marrone che riveste il seme) e NON TOSTATE
    = denominazione di vendita “NOCCIOLE SGUSCIATE”
    ad eccezione di occasioni e preparazioni speciali in cucina
  • considerando la VARIETÀ delle nocciole
  • meglio se di CATEGORIA qualitativa   extra = “qualità superiore”  
    o I = “buona qualità”
  • a preferenza con certificazioni D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta)I.G.P.  (Indicazione Geografica Protetta)biologico
  • prediligendo nocciole ITALIANE
  • UNICO INGREDIENTE “NOCCIOLE”
    = NO additivi (es. da E220 a E228), NO zuccheri (in caso di aggiunta di zuccheri cambierebbero “natura” e denominazione del prodotto).
  • quanto più FRESCHE possibile – verificare SCADENZA, ANNO di RACCOLTA e di CONFEZIONAMENTO delle nocciole
  • raccomandabili le confezioni scure e ben chiuse (consiglio valido anche per eventuale conservazione del prodotto dopo l’apertura)
  • NON NECESSARIAMENTE conservate in atmosfera protettiva se consumate entro poco tempo – due/tre mesi ca. – da sgusciatura/confezionamento (di nocciole “fresche” – raccolta fine estate-autunno)”.
* preimballate – indicazioni del Prof. Davide Barbanti, docente di “Scienze e tecnologie alimentari” presso l’Università di Parma, e della Prof.ssa Nicoletta Pellegrini, docente di “Nutrizione umana” dello stesso Ateneo.

vai al POST con intervista

torna a QUALE dallo SCAFFALE?